Skip to content

La vasocottura

Cosa intendiamo con la vasocottura?

Vasocottura vuol dire appunto cottura in vaso. Questa tecnica è tradizionalmente molto praticata in Italia in quanto in grado di ridurre la quantità di sale al minimo insieme ai grassi. In più grazie alla vasocottura è possibile conservare tutti i principi nutritivi degli alimenti scelti.
Questo tipo di cottura trova origine nell’antichità e permette di cucinare proprio in vasetti di vetro. Ai giorni di oggi numerosi chef hanno rispolverato la vasocottura per realizzare dei piatti veloci, pratici e salutari ma anche molto scenografici. Cuocere i cibi in questo modo richiede una quantità di sale e di olio minima, di conseguenza il piatto risulterà molto dietetico. Le sostanze nutritive non vengono disperse e per questo viene consigliato per coloro che prediligono mangiare sano. L’utilizzo del vasetto è pratico e al suo interno vengono trattenuti tutti i sapori e gli aromi che si diffondono all’apertura dello stesso.
Le modalità possono essere varie, infatti è possibile effettuare la cottura nei vasetti sia nel forno tradizionale, sia sul gas che nel microonde. Per quel che riguarda la temperatura essa può essere o elevata oppure bassa. Il vapore che si crea all’interno del vaso garantisce tempistiche di cottura ridotte rispetto alla cottura tradizionale, il che permette di realizzare anche diverse pietanze per rispecchiare i gusti di ciascun commensale.

Questo metodo di cottura molto antico viene prediletto soprattutto per il pesce, in quanto cuoce con molta velocità. Ottima anche per la carne che essendo cotta nel proprio liquido rimane morbida e davvero saporita.
Attenzione ai funghi però, i quali durante la cottura sprigionano tossine che rimarrebbero costrette nel vasetto.
Grazie alla vasocottura i sapori così come i profumi degli alimenti vengano mantenuti, specialmente per quel che riguarda le verdure. In generale il consiglio è quello di utilizzare prodotti freschi.

La tecnica della vasocottura che permette ci preparare pietanze in vasetti di vetro richiede l’utilizzo di modelli specifici di barattoli. Si pensi al Weck e il Lock-Eat, i quali sono stati studiati e realizzati appositamente per tale cottura. Anche tutte le guarnizioni ed i ganci di acciaio assieme al tappo evitano che ci possano essere problematiche durante la cottura nel microonde. Al contrario, per utilizzare il vasetto o a bagnomaria o anche in lavastoviglie (per i più green) è possibile optare per vasetti con qualunque tipologia di chiusura.
I vasi Lock-Eat in particolar modo nascono per la realizzazione di molte ricette a partire dagli antipasti fino al dolce, in quanto si prestato ad ogni tipo di utilizzo.
Il coperchio separato dal contenitore fa si che esso possa essere utilizzato con facilità e sia meno ingombrante e semplice da lavare. Spesso i vasetti sono multiuso e sono molto carini da presentare per piatti monoporzione. Grazie al vetro gli aromi e gli odori vengono preservati assieme a tutte le proprietà nutrizionali del cibo preparato.

Con questa tecnica culinaria si può preparare un cibo oltre che sano, davvero molto buono e veloce. Tutte tossine non vengono disperse nell’aria. Inoltre, la temperatura che va dai 65 gradi ai 155 fanno si che La vasocottura sia sana, buona e molto veloce, ideale per risparmiare tempo. Grazie ad essa, le tossine degli alimenti non si disperdono nell’aria. Le temperature da 64°C a 155°C fanno si che il cibo cuocia omogeneamente.
Nello specifico grazie al fatto che i sapori e gli aromi vengono mantenuti inalterati le pietanze possono essere salate di meno. La velocità della preparazione rende il tutto molto pratico in quanto il cibo può anche essere preparato con anticipo senza in alcun modo alterare quello che è il risultato finale. Proprio per questo, dopo aver preparato il vasetto, questo può essere conservato nel frigo e poi scaldato, sono sufficienti 10 minuti.
Comunque, il vasetto con il cibo pronto al suo interno si può conservare fino a due settimane grazie al sottovuoto che si è creato che mantiene il cibo più a lungo.

Per capire meglio come è il procedimento da mettere in pratica per la vasocottura si sottolinea che sostanzialmente esso è molto simile a quello per le confetture. Tutti gli ingredienti vengono posizionati all’interno del vasetto, poi questo viene chiuso e si procede con la cottura. Questa può avvenire o nel microonde o in alternativo a bagnomaria, avendo l’accortezza di posizionare uno panno tra i barattoli. Anche il forno può essere utilizzato ad una temperatura che può variare da 60 a 150 gradi, facendo attenzione, in questo caso, a versare dell’acqua. Potrebbe sembrare strano ma la vasocottura può avvenire anche in lavastoviglie. Sarà sufficiente sfruttare tutto il calore che l’elettrodomestico produce durante l’asciugatura.
Prima di tutto occorre procurarsi i tradizionali contenitori della marmellata. É molto importante verificare che tutto sia integro, nello specifico il tappo e la guarnizione di gomma. In caso contrario non si otterrà il sottovuoto, fondamentale per questa tipologia di cottura culinaria.
Per quel che riguarda le tempistiche, il microonde necessita di circa 5 minuti ad 700 W per la cottura. Nel forno, invece, i vasetti dovranno essere disposti in una pirofila con un paio di centimetri di acqua. Il tempo richiesto in questo caso sono 20 minuti ad una temperatura di 50/80 gradi.
A bagnomaria il procedimento prevede l’utilizzo di un tegame riempito con dell’acqua al suo interno nel quale posizionare i vasetti, avendo cura di separarli l’uno dall’altro con un panno per evitare urti. Dopo 15 minuti il pianto sarà pronto.
Da notare che nel momento in cui il piatto risulterà pronto bisognerà togliere il vasetto il quale sarà molto bollente, di conseguenza il cibo cuocerà ancora grazie al calore trattenuto all’interno.
Un consiglio è quello di capovolgere il barattolo per far si che i liquidi si diffondano uniformemente e aprire dopo qualche minuto, prestando attenzione a tutto il calore rilasciato. In questo modo il piatto è pronto e potrà essere servito direttamente nel vasetto, se esteticamente carino, oppure rovesciato in un piatto da portata.

Altre pubblicazioni

Cottura sotto vuoto​

Cucina e ricette

Cottura a bassa temperatura

Cucina e ricette

CBT: La guida completa con le migliori ricette per la cottura a bassa temperatura. ​

Cucina e ricette

Cosa dicono i lettori

Libro completo e molto semplice da capire, ho seguito le indicazioni e sono riuscita a fare per la prima volta in modo corretto il pesce sotto vuoto. lo consiglio per chi, come me, voglia iniziare ad avvicinarsi a questa tecnica di cucina in modo semplice e senza troppi tecnicismi.

— Anna

Ho preso questo libro con il dubbio di trovare all’interno tecniche complicate e non fattibili con i tradizionali  istrumenti della cucina casereccia, invece, devo dire che leggendolo, la “sous vide” è diventata una cucina a portata per tutti.

— Maria

Libro completo e scritto in maniera semplice. si legge velocemente e all’interno ci sono molte belle ricette da preparare in modo semplice e veloce.

— Felicia

Order Online